Biography - Biografia

 
 

Claudio Barontini was born in Livorno, Italy. His love of art began at a young age. In 1969 he attended the Academy of Figurative Art, Trossi Uberti, in Livorno where he met the artist Voltolino Fontani who was lecturing at the Academy. At 16, Barontini learned to play the double bass and bass guitar and joined a rock band. In 1973 he joined forces with Italian singer Milva and played with her at international concerts until 1980. In the 1970s Barontini bought a Reflex camera and started photographing Paris and Frankfurt. In 1977 he toured New York, Boston, Hamburg and Leningrad (now St Petersburg) with his Nikon F2 Photomic camera. In these early years Barontini focused on dynamic photography, contrasting fixed and moving subjects.
In 1979 Barontini started work as a freelance photographer for the daily newspaper Il Tirreno. He used pictures to illustrate the headlines, such as “Hamburg: Tribute to Man Ray”. In 1982, Barontini completed an in depth historical and photographic research piece called “Paris-Livorno-Cote D’Azurre”, looking at the residences of Amedeo Modigliani. Some of the pictures from this work were purchased in 1984 by the Progressive Museum of Contemporary Art of Villa Maria in Livorno, while others were exhibited at various shows including Tribute to Modigliani at the Montmartre Museum in Paris. In 1990 Barontini started to work as a professional photographer with a publication on the “Europeo”. In 1994 he met the sculptor Pietro Cascella, who became a trusted friend and colleague until his death in 2008. In 1995 Barontini worked as a freelance photographer on the “Number Zero” projects for the weekly magazine Chi, published by Mondadori. To this day, Barontini has numerous partnerships and publications in both Italian and foreign media. These include Chi, Gente, Oggi, Vanity Fair, Europeo, Epoca, Diva e Donna, Daily Mail, OK Magazine, Sunday Mirror, News of the World, New York Post and many more. More recently, Barontini has made memorable contributions including to the Antonio Vinciguerra exhibition at the Civic Museum Giovanni Fattori in Livorno in 2008, L’Occhio del Silenzio in 2010, and Portraits of Celebrities, which first opened in the Gallery Factory of Art Design and in 2011 was exhibited in Museum of the Palazzina delle arti in La Spezia and 2012 in Galleria d'Arte le Stanze, Biblioteca Civica E. Gerini in Fivizzano "Scatti a Pietro Cascella" in 2013.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Claudio Barontini nasce a Livorno (Italia) . Si avvicina al mondo dell’arte presto: nel 1969 conosce il pittore Voltolino Fontani e frequenta, a Livorno, l’Accademia di arte figurativa Trossi Uberti, dove appunto Fontani insegnava. A 16 anni inizia a coltivare in parallelo un’altra passione: quella per la musica. Studia il contrabbasso in conservatorio e suona il basso elettrico in una rock band . Nel 1973, entra a far parte del complesso musicale della celebre cantante Milva, con cui suona in tournée internazionali fino al 1980. Compra una reflex e scatta foto a Parigi e Francoforte. Nel 1977 acquista la Nikon F2 con Photomic e fotografa New York, Boston, Amburgo e Leningrado, odierna San Pietroburgo : in questo periodo concentra la sua attenzione nei confronti della foto dinamica, contrapponendo soggetti statici ad altri in movimento. Nel 1979 inizia a collaborare come fotografo free lance per il quotidiano Il Tirreno. Nel 1981 abbina la foto al tema della citazione, come ad esempio nel lavoro Amburgo: Omaggio a Man Ray. Nel 1982 realizza una lunga ricerca storico fotografica intitolata Parigi - Livorno - Costa Azzurra, incentrata sui luoghi vissuti dal pittore Amedeo Modigliani. Alcune di queste immagini vengono acquistate, nel 1984, dal Museo Progressivo di Arte Contemporanea di Villa Maria di Livorno e altre esposte in varie mostre come Omaggio a Modigliani a Parigi, al Museo di Montmartre. Nel 1990 diventa fotografo professionista e inizia la carriera con una pubblicazione sull’ Europeo. Nel 1994 conosce lo scultore Pietro Cascella con il quale instaurerà un rapporto di grandissima stima, amicizia e collaborazione durato fino al 2008, anno della scomparsa del grande artista italiano. Nel 1995 partecipa come free lance alla realizzazione dei numeri zero del progetto Mondadori per il settimanale Chi. Ad oggi, innumerevoli sono le collaborazioni e pubblicazioni su magazine italiani ed esteri tra cui : Chi, Gente, Oggi, Vanity Fair, Europeo, Epoca, Diva e Donna, Daily Mail, Hello, Ok Magazine, Sunday Mirror, News of the World, New York Post ecc. ecc.

Tra le più recenti mostre personali realizzate si ricordano:

2008 Museo Civico Giovanni Fattori di Livorno. "Ritratti ad Antonio Vinciguerra. L’occhio del silenzio".

2010 Galleria Factory Art Design di Livorno. "Portraits of celebrities".

2011 Museo Palazzina delle arti di La Spezia. "Portraits of celebrities".

2012 Galleria d'Arte Le Stanze di Livorno. "Mondi ritratti".

2012 Cesare Paciotti Lounge Bar Gallery di San Vincenzo. "Volti Vip e pose di celebrità"

2013 Museo Diocesano e Biblioteca Civica “E. Gerini” di Fivizzano. "Claudio Barontini: scatti a Pietro Cascella"